Cosa fare quando il mio sito non appare su Google?

Cosa fare quando il mio sito non appare su Google?

Quante volte ho ricevuto questa domanda nell’arco della mia vita, andiamo quindi a rispondere per step.

Chi non è proprio esperto del settore pensa che basti creare un sito web per essere subito ed in automatico presenti sui motori di ricerca, ed in questo caso su Google.

Mettiamo il caso che tu abbia creato il tuo sito web e successivamente pubblicato, Google non ha avuto il tempo di analizzarlo e quindi di inserirlo nella sua “coda” di inserimento nelle sue librerie di ricerca.

Senza i dovuti accorgimenti che ti indicherò successivamente, dobbiamo indicare a Google, che siamo presenti con un nuovo sito proprio sul web, ma dobbiamo avvertirlo però altrimenti non potrà mai saperlo.

Quindi nell’immediato, al momento della pubblicazione del tuo sito sul web, questo non sarà di certo presente su Google.

Ma se invece hai già pubblicato il tuo sito da mesi, ma su Google non ce n’è ancora traccia, è arrivato il momento di lavorare in modo da far partire la visibilità migliorandone indicizzazione e posizionamento.

Prima di tutto e come per tutte le cose, sopratutto quelle, dove sei meno esperto, ti dico subito che questo è un lavoro che richiede costanza e, probabilmente, dovranno passare alcuni mesi prima che tu riesca a vedere risultati interessanti, ma in ogni caso ci vorrà molto meno per vederlo sui motori di ricerca effettuando una ricerca mirata.

Ricordati poi che:

Chiave del successo

Prima di trovare una soluzione al tuo problema dobbiamo imparare a capire alcuni punti fondamentali, se ti chiedessi sai la differenza tra “indicizzazione” e “posizionamento”?

Mmm pensi di saperlo, ottimo!

Pensi che un ripasso non faccia mai male?

Perfetto !

INDICIZZAZIONE

Già dalla parola si riesce ad intuire che per indicizzazione si vuole intendere la presenza del tuo sito web all’interno di una libreria di Google dove sono presenti tutti i link di ricerca, di tutti i siti web che sono già stati inseriti precedentemente al tuo.

La libreria di Google contiene miliardi di link a pagine web che, quando un utente fa una ricerca, vengono filtrati e ordinati secondo i tantissimi fattori che rientrano nell’algoritmo Google.

In tanti pensano che se il proprio sito web non è presente su Google, non sia presente sul web, questa è un’affermazione alquanto sbagliata, in quanto se il tuo sito è stato pubblicato e se non ha incappato in limitazioni e/o bannamenti particolari, il tuo sito dovrebbe essere raggiungibile, inserendo il tuo nome a dominio sull’URL del tuo browser.

Ok, ma come faccio a sapere se il mio sito web è presente sull’indice di Google?

Cosa fare quando il mio sito non appare su Google?
Cosa fare quando il mio sito non appare su Google?

Per capire se sei presente su Google, dovrai ricercare il tuo dominio ad esempio “www.lorenzodesign.it” dentro l’apposito spazio di Google, e non sul tuo browser come ti ho mostrato in figura qui sopra.

Se il tuo dominio apparirà sui risultati, vorrà dire, che è stato indicizzato su Google, quindi si troverà nell’indice di Google, se invece non vedrai alcun risultato, il tuo sito web non sarà quindi presente su Google.

Nella maggior parte dei casi le pagine web vengono indicizzate naturalmente con il trascorrere del tempo.

Google ha infatti dei cosiddetti “bot” che scansionano il web senza tregua alla ricerca di nuove pagine ed aggiornamenti da inserire nell’indice.

Se pensi che che alcune pagine non sono presenti su Google, ti consiglierei di controllare manualmente la presenza dei tuoi link così da iniziare a fare una lista di quelli assenti per poi successivamente analizzarli per risolvere la problematica.

Avendo quindi effettuato una tua analisi e copiati i link che non risultano presenti su Google, puoi velocizzare l’inserimento sull’indice manualmente generando una sitemap.

Cos’è la Sitemap?

E’ una pagina in formato XML, dove è riportata la struttura del tuo sito con la gerarchia delle pagine e i link che le collegano.

Una volta generata una sitemap.xml non farai altro che inviare a Google l’url della sitemap tramite l’interfaccia della Search Console.

Con Google Search Console, potrai poi monitorare i tuoi link all’interno dell’indice di Google, con l’apposito tasto “Controllo URL”

Se l’URL testato non è presente sull’indice di Google, ti comparirà il messaggio che ti indico in figura qui sotto

Controllo URL Google Search Console
Controllo URL Google Search Console

IMPORTANTE

Per poter verificare ed apportare modifiche su Google Search Console, dovrai verificare di essere il proprietario del dominio, altrimenti non potrai accedere alle varie funzioni del tool di Google.

POSIZIONAMENTO

Dopo aver compreso l’importanza dell’indicizzazione, comprendiamo ora, cosa si intende per posizionamento su Google.

Partendo dal presupposto che il nostro sito web è indicizzato, così anche i link, potremmo trovare il link di ricerca per la parola chiave ricercata, posizionato nella 100 esima pagina su Google, quindi assolutamente inutile, chi andrebbe avanti per 100 pagine, le soluzioni si trovano nelle prime pagine, chi aspetterebbe di leggere il tuo link e di sfogliare 100 pagine di Google?

Diverse analisi hanno riportato che i primi cinque risultati su Google attraggono la stragrande maggioranza di click (in gergo, la percentuale di click è chiamata click-through rate)

Google cerca di premiare i siti che propongono contenuti approfonditi, ben linkati, che sono sicuri, facilmente fruibili da dispositivi mobili, pagine veloci e tanto altro.

Come faccio a posizionare per bene il mio posizionamento su Google?

Vi rispondo subito, per posizionare il proprio sito web nelle prime pagine di Google si dovrà fare SEO.

SEO si divide su due livelli: SEO On Site e SEO Off Site

PENALIZZAZIONI DI GOOGLE

Ora che abbiamo compreso cosa verificare per il nostro dominio, dobbiamo stare super attenti ad non incorrere a penalizzazioni da parte di Google, che potrebbero condizionare l’indicizzazione del sito web sul motore di ricerca, ma anche il bannamento del proprio dominio dall’indice di Google.

Per evitare penalizzazioni, bisogna verificare tantissimi parametri, dalla velocità di apertura e navigazione del sito web, analizzando anche i permalink, le immagini e i video.

Se il tuo sito non appare tra i risultati, è molto probabile che sia stato rimosso manualmente. Nella maggior parte dei casi riceverai anche una notifica sulla tua pagina Search Console.

Per vederla, apri la tua Search Console, clicca su Traffico di ricerca e poi su Azioni manuali.

Se il tuo sito ha ricevuto una penalizzazione manuale, Google ti lascerà un messaggio descrivendola. Può riguardare il tuo intero sito oppure solo una parte dei tuoi contenuti.

Se invece non hai presente nessun problema, Google ti rilascerà nessun messaggio negativo, come ti indico in figura

Traffico di ricerca e poi su Azioni manuali
Traffico di ricerca e poi su Azioni manuali

Le azioni manuali più frequenti possono riguardare:

  • comandi di reindirizzamento non ammessi (che presentano agli utenti pagine diverse da quelle presentate a Google);
  • immagini che sono stati rubate o che sono sotto copyright, utilizzate senza autorizzazione;
  • spam generato dagli utenti (le sezioni generalmente più a rischio sono il forum e i commenti);
  • link non naturali che rimandano al tuo sito (come link acquistati o derivanti da partecipazione a schemi di link), oppure che dal tuo sito puntano a siti esterni;
  • hosting gratuiti contenenti spam oppure puro spam (situazioni comuni a chi genera siti a scopo spam);
  • testo nascosto o uso di parole chiave in eccesso per cercare di manipolare i risultati di ricerca.
  • contenuti scarni con bassissimo valore aggiunto (ad esempio pagine generate automaticamente, contenuti duplicati, appropriazione di contenuti da altri siti, pagine affiliate senza valore aggiunto;
  • presenza di virus, o di link che inviano a siti pericolosi;
  • siti che presentano contenuti copiati da altri siti;
  • siti web che possiedono contenuti pericolosi, argomenti pericolosi;

Avete letto “Cosa fare quando il mio sito non appare su Google?”

Lorenzo

Lascia un commento