Vincere il campionato su Google

Raggiungere il primo posto sui motori di ricerca

Primo posto su Google
Vincere la coppa del mondo per raggiungere il primo posto su Google

Vincere il campionato su Google

Arrivare sulla prima pagina non è riservato solo ai siti facoltosi, importanti, che hanno montagne di soldi da spendere.

Ormai sta diventando un pallino fisso di molte aziende, quello di arrivare in cima alla vetta, quello di arrivare sulla prima pagina come se tale prima pagina fosse l’eden del mercato online digitale.

Un tempo esisteva la corsa all’oro, la cosiddetta fame dell’oro…arrivare perché le voci di molti sparse nel mondo facevano credere di poter diventare ricchi trovando pepite enormi d’oro, arrivando primi sul territorio vincendo su tutti.

Se prima di SEO se ne sentiva parlare poco, pochissimo, ora sono tutti SEO, la maggior parte del “professionisti” spuntati come funghi si spacciano per veri e propri maghi del web, garantendo il primo posto in breve tempo.

Mi piacerebbe scoprire la ricetta miracolosa che divulgano nelle loro campagne pubblicitarie, scoprire la loro ricetta magica, come garantendo di dimagrire 7 kg in 7 giorni, oppure far crescere capelli ai calvi in una settimana, e chi è della mia età di gente del genere nelle pubblicità degli anni 80/90 ne abbiamo sentiti parecchi.

Parliamoci chiaro, non si vince il campionato di calcio in un mese, non si vince il moto mondiale in una gara, non si ottengono risultati di vendite in poco tempo.

Chi vi illude con queste fandonie o è un mago ( ed io di asini che volano ancora non è ho visti) oppure non hanno nemmeno in mente bene cosa sia un SEO Specialist.

Arrivare primi su Google poi non è una certezza matematica almeno non si spendano migliaia se non centinaia di migliaia di euro / dollari in google Adwords, certi di arrivare primi, ma li sono bravi tutti come basta pagare.

Certo paghi per risultare primo forse e solo dopo che un SEM (ossia chi gestisce le campagne a pagamento) abbia centrato quelle parole chiavi in maniera oculata visto i costi stratosferici del cpc (costo per click), per inserirti nei primi posti, spendendo chissà quanti soldi, che poi al lato pratico conviene?

Cio che non ti si dice sulle campagne Adwords

I lati oscuri di Google ADS

Le campagne su Goggle a pagamento sono formidabili, arrivi per essere primo, in poco tempo, ti fai vedere, la gente compra, tutto bellissimo.

Ma dov’è la fregatura?

Beh non pensate che sia tutto oro quel che luccica, vi siete mai fermati a pensare quanto realmente incassate togliendo i costi della vostra attività, i dipendenti, le spese ordinarie e straordinarie, bene sicuramente lo fate tutti i giorni, ottimo penserete, ma continuerete a pensare se con Google posso essere primo sui miei competitors farò ancora più soldi.

Avete assolutamente ragione, ma tutto a un prezzo sopratutto nel business, ragionare solo in termini di campagne a pagamento su Google vi porterà inizialmente una notorietà strabiliante, tutti vi conosceranno, ma se non assoldate un SEO con due “palle” farete la fine degli artisti “meteora” che dopo un boom iniziale altissimo verrete messi subito dopo nel dimenticatoio del web, con il contro che dovrete migliaia di euro o dollari a Google.

Non vi fate abbagliare dalla fame dell’oro, non esiste il vincere facile!

Non fidatevi ne anche di chi fa di tutto per creare SEO perfette, pagine perfette, semantiche gerarchiche perfette, perché se poi il fantomatico SEO non si documenta tutti i giorni ed analizza il mercato del web tutti i santi giorni, appena Google decide di rimescolare le carte, finirete inesorabilmente nei meandri nascosti di google.

La SEO è una materia che si impara nel tempo.

Non ci si improvvisa su nessun lavoro, o lo si fa da tempo oppure SEO senior non lo sei.

Il sapere si impara nel tempo

Un tempo esistevano i commerciali su strada, il web non esisteva, esisteva solo il porta-a-porta, farsi km e km di asfalto a piedi, telefonate sentendosi dire NO a tutto spiano cercando per la legge dei grandi numeri, un SI nascose negli angoli più sperduti.

Questi anni erano fino agli inizi del nuovo millennio, gli e-commerce non esistevano, a mala pena i siti web funzionavano, se in Italia ti chiedevano che lavoro fai e gli si diceva lavoro con i computer, ti guardavano come “falliti” perché i lavori “veri” erano altri, non di certo guardare uno schermo.

Io sono stato proprio uno che ha visto nel computer un’evoluzione nel tempo, credendo che tutto immondo legato al “silicio” avrebbe portato un evoluzione planetaria su ogni campo.

Il commercio si è evoluto si è passati dal porta a porta al sedersi al computer e divulgare il proprio “verbo” via web, ma dal salto vero e proprio ne sono passati di anni.

Il commercio per come l’ho vissuto io

Lorenzo Design
Le mie esperienze

La mia carriera è iniziata tanti anni fa…
Nel periodo universitario, volendo la moto andai a lavorare nei ristoranti MC Donald’s, iniziai a comprendere nel mio piccolo il mercato, le vicissitudini dei clienti, le loro lamentele, il modo di lavorare in un team.

Acquistata la moto smisi di lavorare presso quell’azienda, continuando l’università, iniziai però a sentire sempre più spesso, erano gli anni ’95 circa, i colleghi universitari che mi indicavano la biblioteca come un santo Santorum, un luogo dove c’era un computer dove si aveva la possibilità di creare un email per condividere con l’esterno i propri pensieri.

Decisi un giorno di provare a sedermi davanti ad una tastiera e provare anche io.

Bellissimo mi sembrava di essere tornato bambino, scoprire un mondo completamente nuovo, vedevo in quel monitor, in quella tastiera un un mondo che avevo sentito solo nei fumetti di fantascienza…

primi siti web
primi siti web

Da li inizia sempre di più a volerne sapere e sapere e imparare, fino a quando nel 2001 mi iscrissi ad un corso certificato dalla regione che durò 6 mesi per diventare WEB MASTER, conoscere come fare siti web, imparare a programmare, imparare a creare con programmi disegni, io che in disegno al liceo non ero proprio il massimo.

Da li a poco capii che attraverso il computer tutto sarebbe diventato possibile, TUTTO!!!

Nel lontano 2003, aprii un attività con un altro ragazzo in Abruzzo, sicuri che il web sarebbe stato il nostro futuro, lui non ci credette io si continuando dopo poco da solo, con non pochi sforzi.

Dovetti imparare a trattare i clienti non solo sul web, ma sopratutto lato psicologico, comprendere le loro problematiche cercando di risolverle.

Mi aprii un negozietto in centro a Roma nel 2003, di appena 17 mq, piccolo ma con infinite possibilità di crescita, pensando che il web avrebbe prese sempre più piede diedi vita al mio primo e-commerce, rivolto ad un settore quello dei componenti hardware del PC.

Negozi di tutti i tipi ce n’erano ma nessuno vendeva parti di ricambio, quindi decisi di mettermi in quel settore, creando un negozio virtuale, in anni dove di queste cose proprio se ne sentivamo poco, sopratutto in Itali

Da quel momento imparai le fondamenta della SEO, che in quel periodo neanche aveva un nome ben preciso.

Strutturare la SEO

turare la seo

Chi fa SEO dovrebbe innanzitutto essere un WEB MASTER, se non si conosce a fondo la “macchina” o sito web, non si possono comprendere tutte quelle sfaccettature che Google impone, proponendo una SEO completamente sbagliata.

Se si costruisce un’ automobile sportiva non si può solo pensare al motore, performante e con tanta potenza, se lo scheletro, della vettura non è solida poi si smonterà in mille pezzi.

Ho imparato SEO prima che esistesse SEO, imparando a creare siti web, da li ho imparato a divulgarli sui motori di ricerca, che all’ora erano molto più limitati di adesso, imparando a scegliere le giuste parole, comprendendo il peso delle immagini, indicizzandole, scoprendo ancora e ancora e ancora, non dimenticando però che chi compra è di carne ed ossa quindi continuando a imparare dall’essere umano, come fonte primaria del mio sapere!

CHI VI DICE CHE SEO E’ FACILE E VELOCE, lasciate perdere, dedicate i Vostri soldi per altro, e non date retta a chi di esperienza non se ne fatta nel tempo.

La Forma mentis è basilare, l’apertura mentale nel web è fondamentale, il resto sono tutte chiacchiere!!!

Lorenzo