La mia bellissima Honda CBR 600 f anno 2001

Le 10 migliori moto usate sotto i 4000 euro

Molto spesso mi sono chiesto quali tipologie di moto, potrei acquistare avendo un budget limitato.

Chi l’ha detto che solo le moto oltre un certo prezzo possono essere performanti, oppure regalare emozioni, mentre vengono scartate a priori quelle motociclette che, pur avendo qualche anno sulle proprie spalle, in questo caso sulle proprie selle, possono regalare ancora tantissime emozioni a chi le guida.

Siete curiosi di scoprire cosa potremmo acquistare con un budget che non supera 4000 euro? (escluso passaggio di proprietà ed assicurazione)

Questa vuole essere solo una guida di lettura e di riflessioni, non sono un meccanico, ma semplicemente un appassionato di moto. Consiglio sempre di verificare l’integrità di una moto usata con l’ausilio di un vostro meccanico di fiducia, non mi ritengo responsabile di qualsiasi danno e/o malfunzionamento delle motociclette o qualsiasi parte meccanica e funzionale”



In questa guida prenderò in considerazione solamente due tipologie di moto:

  • Le Naked;
  • Le Supersportive;

Inoltre prenderò in considerazione solamente moto con meno di 50.000 km e non più vecchie del 2002, con cilindrate che vanno dai 300 cc ai 1000 cc.

Cliccando sul titolo di ogni moto vi invio al collegamento di dove ho trovato le varie occasioni

Iniziamo !

KTM 390 Duke ABS

La prima Naked che inserisco in questa guida è la KTM 390 Duke ABS.

Si trova in un range di prezzo che va da 1.800 euro ad un massimo di 5.999, quindi molte moto si trovano nella fascia massima dei 4.000 euro di budget deciso inizialmente.

L’anno per trovarla al prezzo del nostro budget è non oltre il 2020, se ne trovano anche con meno di 15.000 km

Motocicletta leggera, divertente, e “pepata” come tutte le KTM, versione con ABS, più o meno accessoriata, ad esempio la possiamo trovare con tamponi protettivi su forcella anteriore e forcellone posteriore, nottolini forcellone per cavalletto box, leve manubrio in Ergal pluriregolabili, e manopole riscaldate, 4 tempi.

Il peso a secco 149 kg

Guidabile anche con patente A2 .

Si può trovare con presa elettrica 12V/USB, leve al manubrio regolabili in Ergal, ABS, avviamento elettrico, manopole riscaldate.

Bmw G 310 R

Se ne trovano diverse ad un prezzo che si aggira sui 3.500 euro almeno ad oggi (pubblicazione art. novembre 2021) del 2019 e un minimo di 4.000 km

La BMW G 310 R (2018) monta un monocilindrico 4 tempi di 313 cc raffreddato a liquido le cui 4 valvole sono azionate da bracci oscillanti con 2 alberi a camme in testa. La potenza erogata è di 34 cv (25 kW) con una coppia massima di 28 Nm a 7.500 giri/min., grazie ad un impianto di iniezione elettronica BMS-E2 di ultima generazione.

Il cambio è a 6 marce mentre il terminale di scarico è in acciaio inox; la velocità massima dichiarata di 143 km/h può non sembrare altissima ma è perfettamente in linea con il target della moto.



Honda CBR 600 F

Un altra moto assolutamente valida è proprio la Honda CBR 600 F, per il budget imposto nella nostra guida, se ne trovano da un minimo di 1500 euro fino ad arrivare anche ai 4000 euro.

Per esperienza vi posso dire che è una moto fantastica, sopra gli 8.000 giri entra in coppia, e ti devi attaccare ai semi-manubri.

La mia bellissima Honda CBR 600 f anno 2001
Con la mia bellissima Honda CBR 600 f 2001 a Vallelunga nel 2008

La Honda iniziò con la produzione delle CBR 600 dal 1986, evolvendosi nel tempo, fino ad arrivare proprio alla mia del 2001, qui in foto con me a Vallelunga.

Questa versione venne prodotta dal 2001 al 2006.
La potenza è di 110 cv, per un peso di 185 kg, la forcella misura 43 mm di diametro completamente regolabile, mentre la sospensione posteriore è una pro-link anch’essa completamente regolabile.

Con la mia bellissima Honda CBR 600 f anno 2001 a Vallelunga tanti anni fa
Con la mia bellissima Honda CBR 600 f 2001 a Vallelunga nel 2008
La mia bellissima Honda cbr 600 f anno 2001
La mia bellissima Honda CBR 600 f anno 2001 – Qui sulle vette del Terminillo con le Dunlop GP Racer

 

Ducati Monster 600

Rimanendo sempre sullo stesso budget, possiamo trovare tranquillamente anche la Monster della Ducati, fino alla versione 696 del 2009, su una soglia di 35.000 km.

La Ducati Monster è una moto naked prodotta a partire dal 1993 dalla Ducati, prodotta in diverse cilindrate; questa motocicletta è considerata la capostipite di questa categoria, che fino ad allora aveva avuto poco successo, inoltre ispirò molte altre moto.

Sui 2000 euro si trova anche la versione 620 con 60 cv circa, e 53,2 Nm (5,4 kgm) a 6.750 rpm, ma in questo caso l’anno scende fino al 2002. La possiamo trovare anche per i neopatentati, depotenziata.

La versione 695 ha 52 kW (70,7 CV) a 8.500 rpm e 61 Nm (6,2 kgm) a 6.750 rpm



Kawasaki Z 1000

Rimanendo ancora per un pò sulle naked, parliamo ora di un’altra moto che ha fatto storia, la Kawasaki Z1000, se ne trovano del 2003 rimanendo tranquillamente dentro sia il budget del 4.000 euro che nel chilometraggio del 50.000, se ne trovano anche sui 30.000 km.

Kawasaki Z 1000 anno 2003
Kawasaki Z 1000 anno 2003, qui con un mio amico.

La moto Kawasaki Z750 ha iniziato la sua produzione nel lontano 1976, rientra nella categoria naked e il primo modello della Kawasaki z 750 venne lanciato al pubblico nell’anno 1976, stiamo parlando di una generazione di motociclette che ha ormai 45 anni.

Ha una cilindrata del motore di1000 cc con un motore a quattro cilindri in linea a quattro tempi con avviamento elettrico, la potenza è di 127 cv a 1000 rpm e la coppia max è di 96 Nm a 8000 rpm.

La capacità del serbatoio: 18 litri, il telaio a doppia culla in acciaio, la sospensione anteriore è una forcella upside-down da 41 mm, mentre la sospensione posteriore è una Uni-Trak con ammortizzatore a gas, regolabile in 7 posizioni.

MV Agusta 750 / 910

MV Agusta 910 S
MV Agusta 910 S – Qui la mia ex bella Brutalona 910 S

Al limite del  nostro budget riusciamo a trovare anche una MV Agusta Brutale sia nella versione con motore 750cc che nella versione con 910 cc. Per comprendere al meglio di cosa stiamo parlando vi riporto qui di seguito il link di un mio altro articolo dove ho parlato nello specifico proprio della MV Agusta Brutale.


Honda CBR 600RR

Se volessi regalarmi una moto replica da pista di 600 cc, la Honda CBR 600 RR del 2005, sarebbe sicuramente una delle mie preferite, la troviamo nel budget di spesa sui 4.000 euro, ma guardando per bene in giro la troviamo anche a meno.

La CBR 600RR è stata sviluppata nel 2003 ispirandosi esteticamente alla Honda RC211V del MotoGP, infatti sotto la carrozzeria si celano alcune innovazioni tecnologiche tratte direttamente dalla moto da pista, come la sospensione posteriore (Unità Pro-Link) e l’iniezione della benzina a due fasi (PGM-DSFI).

La CBR 600 ricevette la doppia “R” (in inglese “Race Replica”, cioè replica della versione da gara), perché, a differenza del modello “F”, era equipaggiata per la prima volta con avanzate tecnologie derivate dalle corse.

A differenza della versione del 2003, quella del 2005 ha l’aggiunta della forcella a steli rovesciati, che arriva con il MY05 (Showa da 41 mm completamente regolabile), insieme a dischi anteriori più grandi (310 mm) con pinze ad attacco radiale.

In realtà cambia anche il telaio, rivisto nelle rigidezze. La linea si ispira come al solito all’ultima CBR1000RR del periodo, ed la potenza del motore sale a 117 CV e la RR resta campione del mondo Supersport anche nel 2005 e 2006 con Charpentier: sono gli anni in cui nella categoria il team Ten Kate fa il bello e il cattivo tempo.

Yamaha YZF-R1 

Passiamo ora a moto di grande cilindrata che rientrano nel nostro budget.

Yamaha YZF-R1  anno 2003 usata
Yamaha YZF-R1  anno 2003 di mio fratello.

Sicuramente la prima è la Yamaha YZF-R1, si riesce a trovare sui 3999 euro, ma anche a meno.

La versione più recente per mantenerci dentro i 4000 euro è quella dell’anno 2003 in buono stato, rimanendo sotto anche i 40.000 km.

La Yamaha YZF-R1 è da sempre una moto pazzesca, spendendo una cifra più che ragionevole, possiamo portarci a casa una moto assolutamente fantastica.

 

Yamaha R1 di mio fratello
Yamaha R1 di mio fratello in pista a Vallelunga nel 2008

Il propulsore a quattro cilindri 20 valvole di 998 cc si distingue per le sue proporzioni estremamente compatte. Le misure di alesaggio e corsa sono di  77×53,6 millimetri mentre la potenza è di 152 cv  a 10.500 giri e una coppia di 107 Nm a 8.500. Pesa 174 kg a secco.

Stiamo parlando di una moto del 2003 !!!

Aprilia RSV 1000 R

Aprilia RSV 1000 R 2001
Aprilia RSV 1000 R 2001 – qui in sella ad mio amico a Vallelunga

La Aprilia RSV 1000 anno 2001, stiamo parlando di una moto con quasi 20 anni di età, ma che ancora oggi, può dire egregiamente la sua!

Riassumendo le specifiche, ha una cilindrata del motore di 997,62 cc e una potenza totale di 118 cv a 8.900 giri/min con un motore bicilindrico a V a 4 tempi, una coppia di 106 Nm a 6.800 giri al minuto, con avviamento elettrico, per un peso di 185 kg.

Aprilia RSV 1000 R 2001
Aprilia RSV 1000 R 2001 – in pista a Vallelunga nel 2008

 



 

 

 

 

 

 

 

Avete letto: Le 10 migliori moto usate sotto i 4000 euro

Copyright © 2018. | Developed by LorenzoDesign.it | Tutti i loghi e marchi presenti sul sito sono di proprietà dei rispettivi licenziatari